Sede amministrativa: Via Santa Maria, 1/05020 Avigliano Umbro/Terni

Sede operativa: Vocabolo Pennicchia, 46/Centro di Paleontologia Vegetale di Dunarobba

Tel.0744-940348

cooperativasurgente@libero.it

© 2019 Cooperativa di Comunità Surgente. Proudly created with Wix.com

  • Facebook Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale

04/1

IN/MATERIA
Quale migliore cornice, per una mostra dal titolo “IN/MATERIA”, se non il Museo del Centro di Paleontologia Vegetale della Foresta Fossile di Dunarobba. Perchè il lavoro di Miriam Nori, non è solo ricerca estetica: è “pura materia poetica, ispirata dalla natura”, che per similitudine si lega benissimo al “genius loci” della nostra foresta, un microcosmo fatto di tronchi, argilla, pietre e acqua che portano con se una storia milionaria. Un paesaggio che è storia e dal quale l'artista trae forza, energia, vibrazioni e soprattutto idee creative per le proprie opere. In questa sua mostra infatti, Miriam Nori si racconta attraverso un percorso articolato, che comprende opere realizzate con metalli e materiali tessili, dando così una sua personalissima interpretazione dei quattro elementi, acqua, aria, terra e fuoco, cui l'ACQUAMADRE/Non Festival, col suo titolo allude. Divisa in quattro parti, attraverso un itinerario che conduce a quattro sale diverse, Miriam Nori, si rivela a quell'Umbria nella quale è nata e della quale ribadisce le origini di una terra, di una campagna e di un contatto con quella natura in cui è cresciuta, che col suo lavoro continuamente reinventa plasmandone la materia. Ma non ci sono solo gioielli in questo percorso creativo della designer: ci sono foto, video, opere e installazioni che descrivono un percorso sempre più definito nel tempo. Ecco perché la mostra di Miriam Nori, è stata fortemente voluta dall'organizzazione del Non Festival; non solo per le ragioni qui sopra espresse o per quella “viscerale” appartenenza che ogni suo lavoro rimanda: Miriam Nori, designer che ha esposto a Milano, Parigi, Firenze, Venezia, Monaco, Sofia e Washington D.C., architetto, ma prima ancora di tutto attrice e quindi artista a tutto tondo, rappresenta molto bene quell'aspetto che riguarda il campo di quell'“arte applicata” che assieme alle Scienze e alle Arti, è uno dei “leitmotiv” della nostra quattro giorni in versione “anno zero”. In Miriam ci sono quell'esperienza e quella sensibilità artistica appresa attraverso le arti, come il teatro, e quelle capacità di ideare e progettare imparate dall'architettura, necessarie per creare spazi e componenti d'arredo, di cui i suoi gioielli sono l'estrema sintesi: c'è il pieno e c'è il vuoto, nei lavori di Miriam: ma anche la forma e il contenuto. Ma soprattutto c'è l'imperfezione: quell'imperfezione, come diceva Rita Levi Montalcini “che è più consona alla natura umana”, perché costituisce la componente dinamica dell'evoluzione. Un'evoluzione che induce alla curiosità, alla ricerca e all'assimetria, ma anche alla semplicità e alla naturalezza di un'impalpabile “IN/MATERIA” di cui Miriam è sensibile interprete. Insomma “i gioielli d'autore” perfetti da accostare ad “Signora senza tempo” come la nostra Foresta Fossile.
 
Ingresso Mostra Miriam Nori e Museo di Paleontologia Vegetale, 3 euro.
Ingresso Mostra/Museo e Foresta Fossile, 6 euro.
Gli orari mostra sono quelli delle visite guidate.
dalle 10.00 alle 13.00 – dalle 16.00 alle 19.00.